Recupero anni scolastici Torino prezzi

Non solo promossi o bocciati a fine anno c’è anche il Recupero anni scolastici Torino prezzi: c’è chi vive un vero incubo durante l’estate, e sono gli studenti che devono fare il Recupero anni scolastici Torino prezzi. Significa che ci sono debiti scolastici, o formativi, da recuperare, prima di stabilire se potrai frequentare l’anno successivo. I genitori possono decidere di organizzarsi privatamente per il recupero degli studenti affidandosi all’Istituto Impariamo, ma devono comunicarlo alla scuola. Rimane comunque obbligatorio effettuare la verifica.Ma cosa succede nel dettaglio quando si viene “rimandati a settembre” e cosa vuol dire aver preso un debito scolastico o più nella pagella di metà anno?

Come avviene il recupero? Come si decide chi avrà il debito scolastico? E come funziona l’esame di verifica? A tutto questo risponde l’ Ordinanza Ministeriale n. 92 del 2007.

Hai accumulato alcune insufficienze durante il primo quadrimestre? Allora probabilmente hai un debito scolastico, o formativo, agli scrutini di metà anno. A quel punto la tua scuola avrà organizzato i corsi di recupero, in modo da permetterti di risanare i brutti voti. Tutti gli studenti con insufficienze sono tenuti alla frequenza dei corsi di recupero (quando sono organizzati), e al termine di questi corsi i professori mettono alla prova le conoscenze acquisite con delle verifiche intermedie, mettendo a conoscenza le famiglie della situazione e dell’eventuale avvenuto recupero dei debiti scolastici.

Durante gli scrutini finali, ogni prof propone il voto finale. Questo deve essere proposto in base ad un giudizio motivato, che tenga conto dei risultati dello studente ad un congruo numero di verifiche durante l’ultimo trimestre o quadrimestre, ma anche che esprima una valutazione complessiva dell’impegno, interesse e partecipazione dimostrati in tutto l’anno. La proposta di voto tiene conto anche della pagella di metà anno e, in caso di debito al primo quadrimestre, anche dell’esito delle verifiche di recupero. Se uno studente, in sede di scrutinio finale, presenta insufficienze in una o più materie, il consiglio di classe valuta la possibilità che riesca a recuparlo entro il termine dell’anno scolastico, studiando da solo o attraverso corsi di recupero. Se il parere è positivo, il consiglio di classe sospende il giudizio finale e predispone le attività di recupero. Se invece lo studente non ha insufficienze, o ne ha tali da far credere ai professori che non possa recuperarle (o ha accumulato troppe assenze), il giudizio di promozione o non promozione viene espresso subito e comunicato alle famiglie.

Recupero debito scolastico

In caso di debito scolastico o formativo, sui quadri viene riportata l’ indicazione della “sospensione del giudizio”. La scuola, subito dopo lo scrutinio finale, lo comunica alle famiglie, per iscritto, indicando le specifiche insufficienze. A quel punto lo studente dovrà partecipare alle iniziative di recupero della scuola, o studiare per conto proprio, ma in questo caso le famiglie devono comunicarlo alla scuola. Dopo aver partecipato ai corsi di recupero o essersi preparato privatamente, lo studente dovrà sottoporsi ad una verifica, l’esame di recupero, per ogni materia in cui ha accumulato il debito scolastico: questa si deve svolgere obbligatoriamente entro l’inizio dell’anno scolastico successivo.

Esame di recupero del debito scolastico

Le verifiche di recupero del debito scolastico sono organizzate dal consiglio di classe secondo il calendario stabilito dal collegio dei docenti e condotte dai professori delle materie interessate. Dopo aver sostenuto le verifiche, il caso dello studente viene preso in esame dal consiglio di classe, che delibera la promozione o la bocciatura sulla base di una valutazione complessiva. Chi viene promosso si vedrà attribuire il punteggio di credito scolastico secondo quanto corrisponde al risultato raggiunto.

Aiuto per il debito scolastico

Se nonostante lo studio last minute degli ultimi mesi di scuola, ti becchi il debito scolastico, non ti arrendere: ancora non è detta l’ultima parola e la promozione è alla tua portata. Certo studiare durante l’estate non piace a nessuno, ma se pianifichi in maniera da studiare 2-3 ore al giorno non sarà poi così pesante e riuscirai a passare l’esame di recupero senza problemi. Se il tuo problema è semplicemente che non ti sei impegnato abbastanza durante l’anno, adesso avrai tutto il tempo per recuperare. Se invece durante l’anno hai avuto problemi di metodo di studio o una materia è stata particolarmente ostica, nonostante l’impegno, la cosa migliore è farsi aiutare. Assolda un compagno di classe particolarmente bravo, un parente o un conoscente esperto della materia.

Come sviluppare la Strategia SEO Per Un Blog

search engine marketingDefinire una strategia seo per blog è un’azione importante e che richiede diverse attività e conoscenze mirate a migliorare il posizionamento di un blog. Quando un cliente contatta un seo freelance perché ha bisogno di promuovere il proprio blog, ci troviamo a svolgere operazioni di vario tipo e che vale la pena riportare qui di seguito. Prima ancora che addentrarci nell’analisi del blog in sé, è necessario fare un passo indietro e analizzarne il settore di appartenenza poiché le dinamiche che regolano alcuni settori sono molte volte diverse rispetto a quelle di altri. Prima di concentrarci sull’analisi e la progettazione del nostro blog, dovremo quindi capire le dinamiche del contesto in cui si trova. E’ un’operazione tutt’altro che scontata e chi trascura quest’operazione si trova a non sfruttare pieno le potenzialità del blog. Dopo aver studiato le dinamiche del settore in cui il blog opera o andrà a operare, bisogna analizzare il pubblico verso cui il blog è rivolto.

Con che contenuti posso stimolarlo a tornare in futuro sul blog?

Una buona strategia SEO per un blog mette al centro di tutto l’esperienza e i gusti dell’utente, passa dall’altra parte dello schermo e indossa i panni della persona che visiterà il blog con i suoi gusti e le sue necessità. Quali sono le caratteristiche dell’utente a cui mi voglio rivolgere? Sesso, età, provenienza, etc. Che tipo di risposte deve fornire per risolvere i suoi problemi? Quali sono i canali di informazione che lui utilizza di più? Questi canali saranno fondamentali per creare strategie ad hoc. Con che contenuti posso stimolarlo a tornare in futuro sul blog? La ricerca delle parole chiavi migliori è uno degli step più importanti nella progettazione di una strategia SEO per il blog. Ci sono due scuole di pensiero: chi dà un’importanza esasperata – e per certi versi esasperante – alle keyword, e chi d’altro canto le sottovaluta consigliando di concentrarci principalmente sulle intenzioni di ricerca dell’utente.  Ci sono diversi modi per scoprire quali sono le parole chiavi ad alto volume di ricerca per le quali voler far posizionare il nostro blog.

Un esempio facile di long tail keyword: hotel bologna vicino aeroporto.

Un metodo gratuito è quello di guardare il Keyword Planner di Google (bisogna registrarsi per poterlo visualizzare) anche se dal punto di vista della grafica non è il massimo. Esistono comunque anche tanti altri strumenti che permettono di guardare i volumi di ricerca delle keyword, cercando su Google ne troverete molti. Oltre a guardare i volumi di ricerca delle keyword secche, è molto utile guardare anche le long tail keyword che sono keyword più lunghe e per definizione sono composte da almeno 4 parole. Le long tail keyword hanno dei bassi volumi di ricerca se prese singolarmente ma se vengono sommate nel loro complesso generano dei volumi di traffico molto alti. Un esempio facile di long tail keyword: hotel bologna vicino aeroporto. Anche qui esistono diversi siti che ti permettono di spiare quali sono le keyword migliori dei competitor, alcuni anche molto costosi e per questo motivo per un’analisi più approfondita è sempre meglio rivolgersi a dei professionisti. Attraverso una consulenza SEO e con tutti i vari strumenti che ha a disposizione, sicuramente un’agenzia può fornirvi un servizio completo e affidabile.

  1. SCAMBI: MERCATO
  2. Evitare contenuti duplicati
  3. “Cura fimosi serrata”
  4. Post divertenti e simpatici
  5. Definizione della strategia per il miglioramento della Link Popularity
  6. Analizzare se i visitatori arrivano attraverso le parole chiave che ci interessano

Bene, adesso che avremo stilato una lista di keyword per noi interessanti, è ora di guardare quanto sarà difficile posizionarsi per ognuna di loro. Naturalmente andare a competere per le keyword a più alta concorrenza implica la creazione di testi di altissima qualità e una campagna di valorizzazione del blog che richiede tanti investimenti in tempo e denaro. Una volta che abbiamo individuato le keyword per le quali puntare nella nostra strategia SEO per il blog, è tempo di stilare un calendario editoriale attraverso il quale sviluppare e pubblicare i contenuti. Preferite la qualità alla quantità. Se qualcuno vi suggerisce di pubblicare più articoli possibili, beh, non state a sentirlo. Finire in alto su Google non è una gara a chi pubblica più articoli su un determinato tema, altrimenti il tutto si ridurrebbe a una gara a chi pubblica di più. Anche pubblicare pochi articoli al mese va bene, l’importante è che siano di alta qualità.

Ora sei pronto a crearti una strategia SEO base per il tuo blog.

Dedicate ogni tanto del tempo ad aggiornare gli articoli vecchi. Dei contenuti non aggiornati, soprattutto per settori a rapida evoluzione come quello tecnologico, comportano un alto e rapido tasso di abbandono da parte dell’utente con ripercussioni anche dal punto di vista della SEO. Fate sì di avere sempre dei contenuti aggiornati, dedicare una parte delle vostre attività nello spolverare le cose più vecchie non può che fare bene. Ultimo ma non ultimo, è importante non dimenticare che la SEO non è solamente qualcosa di semantico ma anche di tecnico, pertanto una strategia SEO per un blog non può non pianificare miglioramenti tecnici del proprio sito. Progettare un miglioramento di un blog da un punto di vista tecnico vuol dire mettere in conto tutta una serie di misure volte a far sì che il sito abbia una struttura e delle performance migliori. Migliorare la velocità del sito (molti non lo sanno ma la velocità di un sito è uno dei fattori più importanti ai fini della SEO). Sistemare tutti gli errori che derivano da un’accurata analisi SEO del sito. In quest’articolo del nostro blog potete trovare tutte le informazioni necessarie sul come fare un’analisi SEO di un sito web. Nel caso un blog sia già attivo e abbia dei link, controllare e sistemare i link interni e i link in ingresso. Ora sei pronto a crearti una strategia SEO base per il tuo blog. Se hai bisogno di una strategia più approfondita non esitare a scriverci sui nostri social o direttamente sul nostro sito alla sezione CONTATTI MENFORD.

I migliori consigli per una vita sana

 

 I 10 migliori consigli per una vita sana

Ovviamente non ci sono formule assolute per ottenere una vita migliore, ma ci sono alcuni suggerimenti che possono aiutarci a migliorare notevolmente la qualità della nostra vita ed evitare le principali cause di morte prematura , come il cancro e le malattie cardiovascolari. Ecco dieci semplici consigli per essere in grado di condurre una vita sana.

Impara a mangiare correttamente

La dieta è senza dubbio un fattore di rischio che può causare malattie e, al contrario, può aiutarci a vivere sano e felice per molto tempo se segui alcune semplici linee guida. In primo luogo, è necessario evitare i grassi malsani, sostituendoli con grassi sani come quelli presenti nelle noci o in alcune verdure come il delizioso avocado. Inoltre dovrebbe ridurre il consumo di alimenti con colesterolo e sodio ed evitare gli zuccheri in larga misura. Gli alimenti con proteine, fibre e frutta e verdura dovrebbero essere parte di una dieta sana. Inoltre, devi bere almeno due litri di acqua al giorno per mantenere il corpo idratato e svolgere tutte le sue funzioni in modo efficiente.

Inizia l’allenamento regolarmente

Oltre alla dieta, pratica di esercizio fisico e rimanere attivi è anche un fattore determinante quando si tratta di raggiungere una buona salute. Tutti sanno che l’esercizio è necessario e benefico, ma non tutti lo praticano. Quasi il 25% degli spagnoli non svolge alcun tipo di attività fisica, né cammina per un’ora. Praticare 30 minuti di esercizio quotidiano, che possono semplicemente camminare, per circa cinque giorni alla settimana, lasciando due a riposo, migliorerà notevolmente la salute di qualsiasi persona riducendo il rischio di soffrire di qualsiasi tipo di malattia cardiovascolare, diabete e anche avere un ictus. I bambini dovranno fare almeno un’ora di esercizio, che li aiuterà anche a rimanere mentalmente stabili e migliorare il loro carattere.

Controllo del colesterolo nel sangue

È essenziale conoscere il livello di colesterolo nel sangue, dal momento che è l’unico modo per essere in grado di assicurarsi che le nostre arterie non siano bloccate. Se ciò accadesse, potrebbe portare a un ictus o un infarto. Le persone che hanno il gene ereditario che le fa produrre un sacco di colesterolo LDL dovrebbero prestare particolare attenzione, evitando grassi saturi e trans e mangiando cibi a basso contenuto di colesterolo, oltre ad esercitare molto e mantenere un peso sano.

Monitorare la pressione sanguigna

Secondo, anche l’ipertensione arteriosa dovrà essere controllata perché è un fattore di rischio molto importante per le malattie cardiache. Se soffre di ipertensione, il sangue scorrerà con troppa forza, essendo in grado di influenzare gli organi vitali, mentre se la pressione arteriosa viene mantenuta a un livello normale, sarà molto più difficile presentare qualsiasi tipo di problema cardiovascolare.

Si raccomanda di mangiare poco sale, esercitare frequentemente, controllare il peso e anche lo stress, ridurre il consumo di alcol e se sei un fumatore, tagliare le radici con il tabacco.

Perdere peso se ne hai bisogno [19659004] Va notato che se sei sovrappeso o obeso, è molto più facile avere altri tipi di malattie. Se hai più peso di quello che dovresti, avrai molto probabilmente colesterolo, ipertensione e persino il diabete. Inoltre, l’obesità di per sé è un rischio molto forte, dal momento che è possibile soffrire di problemi cardiovascolari con molta più sicurezza, sebbene il resto degli indicatori di salute fossero corretti. Con un indice di massa corporea superiore a 25 dovresti iniziare a controllare il peso, ma se questo è più di 30, il rischio di soffrire di problemi cardiaci diventa molto alto.

Smettere di fumare

Se ancora Sei una delle poche persone che continua a fumare, non importa che tu rispetti il ​​resto dei suggerimenti su questo elenco perché il tabacco è senza dubbio legato a un gran numero di morti premature. I polmoni ti ringrazieranno, il tuo sistema circolatorio ti ringrazierà e naturalmente anche il tuo sistema circolatorio quindi non pensarci più e, se vuoi davvero condurre una vita sana: smetti di fumare.

Proteggiti [19659017] di agenti esterni e altri fattori

Per evitare tutti i tipi di incidenti, è necessario proteggersi sia in auto, utilizzando la cintura di sicurezza, al lavoro o in qualsiasi luogo in cui potrebbe essere necessario l’uso di imbracature o caschi. Se vuoi prendere il sole usa la protezione solare e non smettere di usare la crema idratante se vuoi mantenere la pelle protetta ed evitare malattie. Nei mesi di abbondanza di insetti, utilizzare i repellenti per evitare i loro morsi. Per quanto riguarda i rapporti sessuali, mantenerli sempre sani e con cautela e preparare un kit di pronto soccorso o di forniture nel caso in cui ne aveste bisogno occasionalmente.

Dite addio allo stress

Vivere stressato non aiuta nessuno, e certamente È un fattore di rischio che può portare a diverse malattie. Cerca di mantenere un giusto equilibrio tra lavoro familiare e tempo libero e mantenere sempre un atteggiamento positivo nei confronti della vita. Prenditi tutto il tempo che puoi per rilassarti quando ne hai bisogno, e fai un pisolino quando vuoi, tra le sette e le nove ore ogni notte. Se hai bisogno di aiuto o di qualche tipo di attenzione psicologica, cercala e usa le terapie necessarie per favorire il tuo relax, come frequentare corsi di yoga o di pilates.

Visita il tuo dottore regolarmente

Puoi sempre consultare il tuo medico quali azioni dirette puoi fare per ridurre o minimizzare i tuoi problemi di salute. Inoltre, non dimenticare di frequentare regolarmente l’ufficio del medico, per eseguire gli esami che hai, per ottenere i vaccini che sono necessari e per eseguire esami del sangue e delle urine quando necessario. Se noti anomalie consulta il medico e non ti auto-medicare, dato che un buon professionista ti darà sempre la migliore soluzione possibile.

Scegli il colore per i divani

La scelta del colore più adatto per il divano nel soggiorno è molto importante in quanto è il pezzo chiave, essendo conveniente integrarsi perfettamente nello spazio. Il colore scelto può corrispondere al resto della decorazione in linee generali o può essere coordinato con alcuni elementi chiave. Può anche essere il pezzo che si distingue senza dover abbinare nulla. Su Newformsdesign troviamo molti esempi in cui il divano si coordina con il pavimento in legno e gli armadi della cucina. La pelle ha una consistenza abbastanza simile a quella del legno. Scegliendo questo colore beige ci permette di adattare perfettamente i divani moderni in pelle alla decorazione. I cuscini nei toni del marrone si coordinano anche con i mobili.

Un altro esempio di divano che si adatta perfettamente alla decorazione del salotto grazie al suo colore. Questo verde pastello, quasi bianco, si abbina molto bene con il resto della decorazione. Le pareti sono beige e l’intera stanza è decorata con elementi trasparenti e luminosi.

Se vogliamo che il divano si distingua dal resto della decorazione, ma vogliamo collegarlo in qualche modo, possiamo scegliere un colore questo è complementare al resto di quelli usati nella stanza. In questo esempio abbiamo un divano verde tra due lampade rosse che fiancheggiano i lati e uno sfondo rosso situato proprio sopra di esso.

Il divano stesso può essere miscelato ogni volta che gli accessori lo fanno risaltare . Una strategia molto semplice e popolare è quella di scegliere un divano in un colore che è simile a quello delle pareti o il colore principale utilizzato nella stanza e decorare con cuscini decorativi in ​​un colore audace e vivace. In questo caso, il grigio e l’arancione sono due colori che sembrano belli insieme.

In una decorazione in cui vogliamo riflettere la serenità per rilassarsi, il colore non è generalmente usato nella sua pienezza. In questa stanza abbiamo una tavolozza di colori molto semplice e neutra con toni bianchi, beige e grigi. Il divano grigio ha due cuscini decorativi beige che si distinguono in modo molto sottile.

Se si decide di optare per un divano più colorato, si consiglia di abbinare un altro elemento della decorazione. Questo bellissimo divano turchese si coordina con le tende della finestra, anche se il divano è più vibrante. I cuscini decorativi offrono una gamma di colori tra cui i toni del blu, del viola e del turchese

Può anche essere interessante giocare con sfumature simili come beige, marrone e grigio. Questi colori della terra possono essere la chiave per creare un’atmosfera calda e accogliente. Questo divano è perfettamente integrato nella decorazione del soggiorno grazie al suo colore.

In questo ultimo esempio, possiamo vedere come un colore che non è vibrante e audace come grigio, può essere al centro dell’attenzione decorazione. Questo divano grigio è il punto focale di questo soggiorno decorato in tonalità luminose, dove il bianco è il colore principale.

Nido di infanzia: consigli per la scelta

Linee guida per scegliere il nido di infanzia per il tuo bambino

Il passaggio dalla casa all’asilo nido deve essere fatto gradualmente tenendo soprattutto conto di una serie di fattori molto importanti, diventa infatti essenziale quando si presenta questa necessità raccogliere informazioni sulle strutture prima di avere le idee chiare su quale nido di infanzia è il migliore per le nostre necessità.

1. Sicurezza dei bambini: i genitori vogliono che i loro figli siano in uno spazio sicuro, quindi è necessario consultare i regolamenti che sono in atto e controllare che l’asilo nido lo incontri: finestre con vetri infrangibili, porte con un sistema di sicurezza per evitare incidenti, piccoli oggetti e materiali tossici fuori dalla portata dei bambini, ecc.

2. Formazione degli insegnanti: La qualità degli insegnanti è importante in qualsiasi fase educativa, ma quando si tratta di bambini tra 0-3 anni, la preoccupazione del padre per la formazione degli insegnanti è ancora maggiore. Coloro che si prendono cura dei più piccoli (0-3 anni) devono avere almeno un certificato di asilo nido, impossibilitato a frequentare più di 8 bambini per classe quando sono con bambini fino a un anno di età. Quando si tratta di bambini di 1-2 anni, sono ammessi 13 bambini per classe, mentre 2-3 studenti possono essere trovati per classe.

3. Ideologia del centro: i genitori devono identificare qual è l’ideologia del centro e decidere se sono d’accordo con esso. L’ideologia definisce il tipo di persona che vuole essere formata e costituisce quindi uno degli elementi più importanti da prendere in considerazione al momento dell’elezione.

4. Progetto educativo: i genitori devono decidere quale progetto educativo preferiscono per i loro figli. Per questo, devono conoscere il tipo di apprendimento che avviene in classe (partecipativo, meccanico o creativo) così come gli strumenti a disposizione degli insegnanti (nuove tecnologie: lavagna digitale, ecc.) Che segneranno il modo di apprendere dello studente .

5. Livello accademico e profilo dello studente: è importante conoscere il profilo dello studente con il quale i bambini condivideranno l’aula, nonché il rapporto tra gli studenti per classe oi risultati accademici degli studenti.

6. Attività extrascolastiche: è necessario sapere se l’asilo nido o l’asilo nido hanno attività complementari che aiutano il bambino a sviluppare altre capacità oltre a quelle sviluppate in classe, purché queste non diventino un’occupazione per il bambino mentre i genitori sono al lavoro.

7. Ufficio psicopedagogico: L’esistenza di un dipartimento di orientamento è essenziale per affrontare i futuri problemi di apprendimento e ancor più per la sua diagnosi precoce.

8. Posizione del centro e ora: la situazione del centro e il programma dello stesso devono consentire al bambino di rendere la scuola compatibile con il gioco giorno per giorno senza ridurre la qualità della vita.

9. Servizi: i genitori dovrebbero anche tenere conto dello stato delle strutture del centro, vedere se sono curati e adattati ai loro figli e se il centro ha una varietà di infrastrutture che permettono allo studente di svolgere varie attività. , per molti genitori sarà importante sapere se il centro ha un servizio di percorso per coloro che non possono portare o prendere i loro bambini al centro, sala da pranzo (e la sicurezza che il menu può essere adattato ai bambini se ce n’è uno alcuni diagnosticati problemi alimentari) o attrezzature mediche che possono trattarli.

10. Visita all’asilo o all’asilo: Infine, è essenziale che i genitori visitino il centro per vedere di persona cosa è, come è il team educativo o se i loro figli sarebbero davvero gusto in un centro di quelle caratteristiche.

Ricambi compatibili Vorwerk Folletto, Ecco Dove Poterli Acquistare Online

A chi come me è capitato di assistere un sabato pomeriggio a casa di amici alla presentazione del Folletto, il magico utensile che è un valido aiuto nelle pulizie domestiche, non può non rimanere tra lo sbalordito e il senza parole, quando vede in funzione questo apparecchio dalle mille facce.

Inventato in Germania, più precisamente dalla azienda tedesca Vorwerk nel lontano 1971, alla soglia dei suoi primi 50 anni, il Folletto è cresciuto e diventato grande, con sempre nuove funzioni aggiunte e quelle già esistenti migliorate.

Ecco perché in moltissime casa è diventato il piccolo elettrodomestico più utilizzato in assoluto, non solo perché fa risparmiare tempo e denaro, ma perché ci permette di pulire da soli alcuni preparati che altrimenti saremmo costretti a comprare necessariamente in negozio.

Come si dice quando siamo davanti ad un prodotto top, la qualità si paga, e in questo caso possiamo dire che si paga profumatamente, però credetemi i soldi spesi ne valgono tutti.

Anche nel caso in cui si rompa qualche pezzo, trovare i ricambi compatibili Folletto on line non è affatto difficile e in molti casi i prezzi sono anche scontati o in promozione.

 

ricambi folletto

Fortunatamente esistono molti negozi ed e-commerce dove si possono acquistare sia i pezzi di ricambio che i Bimby rigenerati.Ebbene sì, in pochi lo sanno, ma esiste una valida alternativa che fa risparmiare anche qualche migliaia di euro: avete mai pensato di valutare la possibilità di acquistare un bimby usato (ma rigenerato)?

Su molti siti come E-SHOP VORWERK o RAESHOP si possono trovare tutti i pezzi o quasi, nonché accessori, prodotti e addirittura i sempre utili ricettari, stando sempre attenti alle promozioni e ai prodotti scontati.

In alcuni di questi e-commerce oltre alla vendita è presente anche un negozio fisico con all’interno il servizio di riparazione, al quale si può spedire il piccolo elettrodomestico rotto per farlo riparare.

Uno di questi siti è l’e-commerce di Crel, società toscana con sede a Livorno dove è possibile acquistare on line i ricambi di tutti i piccoli elettrodomestici delle migliori marche italiane e straniere e dove si trova il centro riparazioni multi marche compreso quello della famosa marca Folletto.

Navigando all’interno del negozio è possibile acquistare ad ottimi prezzi tutti i ricambi dei singoli modelli di Bimby e ad esempio acquistare con meno di 500 euro il Folletto rigenerato, ossia un usato ma in ottime condizioni, igienizzato e revisionato.

Ed è proprio la revisione da parte dei tecnici specializzati della Crel che permette a chi lo compra al momento dell’acquisto di avere una garanzia di 1 anno sul prodotto usato.

 

ricambi originali folletto

Che dire quindi se non di correre subito su internet e comprare in uno dei siti sopra segnalati il tuo Folletto. Nuovo od usato che sia poco cambia, perché come abbiamo detto più volte, quello che conta è il risultato finale, e in questo caso, sarà sempre e comunque una vittoria a tavolino. 

Nella savana dei social media sei leone o gazzella?

Che tu sia un’azienda, un libero professionista o un artista, l’importanza di essere presente almeno sui principali social network è ormai assodata, per non dire scontata. Si rivela meno banale trovare un modo per acquisire su queste piattaforme la visibilità che ogni attività si merita.

O meglio trovare un sistema per sfruttare al massimo queste pagine social per ottenere la tanto agognata notorietà. La competizione è elevatissima, un po’ in tutti i settori ormai, e , possiamo dirlo, si tratta di una guerra senza esclusione di colpi.

Dietro la promozione della maggior parte delle aziende o degli artisti che compaiono per primi sui social ci sono spesso degli investimenti economici considerevoli e la realizzazione e gestione di campagne online e offline di enorme portata.

Nel settore musicale e in quello cinematografico uno dei canali social più usati è Youtube, la famosa piattaforma di streaming video nata nel 2005 ed acquisita da Google nel 2009.

Su Youtube vengono riposte le speranze di decine di migliaia di cantanti, musicisti, registi e attori (dagli esordienti a quelli di fama internazionale) e spesso dall’esito dei video che lì verranno pubblicati dipendono i loro destini professionali, quindi come già detto la competizione e gli investimenti pubblicitari sono elevatissimi.

Lo stesso discordo vale per Facebook, dove però cambiano i protagonisti: tra i principali creatori di pagine social (non di profili privati) ed investitori troviamo soprattutto le aziende, realtà commerciali appartenenti a vari settori che si contendono i clienti a suon di fans e di likes sui propri post.

Un’altra piattaforma molto famosa, anzi divenuta ancora più famosa recentemente in seguito al suo acquisto da parte di Facebook, è Instagram. I personaggi che più cercano di rendere Instagram un trampolino per il proprio successo sono in questo caso in particolare i vip e gli aspiranti tali.

Infine come non citare almeno al volo Twitter, uno dei più vecchi social media, reso celebre dalla caratteristica brevità dei messaggi postabili (attualmente 280 caratteri), che però negli anni ha saputo guadagnarsi un numero di utenti piuttosto consistente. Un’ audience fatta perlopiù di giornalisti, di impiegati nel terzo settore, quello dei servizi, e in ambito culturale. Anche loro, manco a dirlo, tutti fortemente motivati ad ottenere popolarità per sé o per i messaggi che intendono diffondere.

Ma come si muovono su questi social media tutti costoro per raggiungere una fetta di pubblico sempre più ampia e sbaragliare la concorrenza? Come dicevamo è una sorta di guerra dove nessuno risparmia mezzi ed energie.

Si va dalla richiesta effettuata personalmente ad amici, parenti e conoscenti per elemosinare qualche like o follower, all’acquisto di segnali sociali tramite agenzie specializzate come Viralmarket, passando per le campagne organiche rese possibili dagli stessi social networks.

Ognuno di questi advertiser predilige l’uno o l’altro metodo oppure ne usa vari, quello che conta è che come nel celebre (lui si) aneddoto del leone e della gazzella che ogni mattina si alzano e iniziano a correre, anche nel social media marketing tutti i giorni milioni di marketer corrono, inseguendo speranze di successo.

Autore: Andrea Vittorini

figure professionali: il consulente SEO

Nell’era del digitale, sapere quali azioni compiere per migliorare il traffico del proprio sito web – e, dunque, la probabilità di vendita di prodotti e servizi – è una scelta fondamentale ai fini non solo della comunicazione, ma anche del marketing. Per questo è necessario capire il ruolo del  cosa fà un seo specialist e quindi come scegliere un consulente SEO www.joomlaskin.it che sappia indirizzare l’azienda verso le decisioni migliori da prendere. Anche se a prima vista non sono le più allettanti. La prima mossa per imparare come scegliere un consulente SEO professionale è assicurarsi che il candidato prescelto dimostri di avere una visione globale del proprio lavoro. Cosa significa? Che un vero esperto del settore non si focalizza solo su un singolo segmento dell’attività che svolge, ma considera il sito web a cui è chiamato a mettere mano nella sua interezza: dalla grafica alla lunghezza dei testi, dagli ingombri delle immagini alla disposizione delle singole pagine.

 

La scelta è difficile, tanto un’azienda riesce a prosperare quando capisce come scegliere un consulente SEO davvero valido, quanto l’affidarsi a una persona poco professionale può essere una decisione devastante a livello commerciale e d’immagine. Vediamo allora come scegliere un consulente SEO appartenente alla prima categoria. Per fare un investimento sicuro che garantisca ottimi frutti.

 

Come scegliere un consulente SEO? Diventa certo più facile se possiede un portfolio clienti visitabile online Optando per una persona che abbia una visione globale del sito web su cui lavora

figure professionali: il consulente SEOLa conoscenza dell’humus su cui far germogliare piante che diano buoni frutti, infatti, è necessaria tanto per l’orto di casa propria che per una multinazionale. Muoversi alla cieca non porta da nessuna parte, se non a sbattere contro qualche muro; avere una chiara idea di come agire, invece, è fondamentale all’interno di una strategia di marketing.

Per capire come scegliere un consulente SEO bisogna chiarire una cosa: il SEO – acronimo di Search Engine Optimization – è uno strumento fondamentale per ogni strategia di marketing che si rispetti, ma non è l’unico. Tutte le attività commerciali, infatti, sono come organismi, ingranaggi all’interno dei quali ciascuna parte è funzionale al buon funzionamento del tutto.

Se, dunque, il vostro obiettivo è quello di incrementare le vendite di prodotti e servizi, sapere come scegliere un consulente SEO è senz’altro una mossa vincente; per essere davvero efficace, tuttavia, deve far parte di una strategia di marketing che tenga conto di diversi fattori: il copywriting, la grafica, la qualità dei prodotti venduti, le immagini e così via. Per questo, affidarsi a una persona che abbia uno sguardo a 360° sulla struttura del sito web è molto importante ai fini di ottenere un sensibile miglioramento non solo del posizionamento del sito in questione, ma anche della sua coerenza rispetto ai prodotti e ai servizi venduti.

È dunque necessario, nel momento in cui volete capire come scegliere il consulente SEO giusto, avere ben presente che il marketing non si riduce al SEO e che un vero professionista lo sa bene.
È ovvio che affidarsi a una di queste figure non garantisce risultati sicuri al 100%. Ma il rischio è parte integrante di ogni sfida. E fare di tutto perché il proprio sito web venga indicizzato bene sui motori di ricerca, con un conseguente aumento delle probabilità di vendita, è troppo importante per farsi vincere dai dubbi.

Come scegliere un consulente SEO nella giungla dei professionisti

Per capire come scegliere il consulente SEO più adatto alle vostre esigenze dovete sostanzialmente decidere tra tre opzioni: da un lato ci sono professionisti più estrosi e creativi, che hanno un ottimo curriculum e una solida esperienza nel settore, ma che solitamente chiedono di essere pagati in anticipo, a prescindere dai risultati ottenuti. In questi casi il cliente sceglie sulla fiducia, affidandosi alla reputazione e alla professionalità del consulente.

Dall’altro ci sono alcune aziende guidate dal motto “chi fa da sé fa per tre”, che rinunciano al prezioso aiuto di un consulente pensando di riuscire ad ottenere buone performances utilizzando da sole i cosiddetti SEO tools, ossia gli strumenti che permettono di analizzare i backlink (i link al proprio sito), il web server, i contenuti e il codice HTML, le keywords migliori e così via.

I SEO tools sono strumenti utilissimi e molti, peraltro, sono gratuiti; per saperli sfruttare al meglio, tuttavia, occorre conoscerne bene tutte le potenzialità: per questo è importante affidarsi a un consulente SEO, che sa bene come muoversi in sicurezza, utilizzando i SEO tools più appropriati per ogni situazione. Se si vuole fare tutto da soli, al contrario, è molto probabile che i risultati sperati tardino ad arrivare.

Di recente si è affacciata sul mercato una nuova categoria di professionisti, ai quali è meno rischioso accordare la propria fiducia nel momento in cui si desidera imparare come scegliere un consulente SEO. Si tratta di esperti che, pur essendo in possesso di un ottimo curriculum, di una buona dose di creatività e di una conoscenza perfetta dei migliori SEO tools, hanno un rapporto diretto e onesto con il cliente. In cosa si traduce? In sostanza, nel far proprio un concetto molto importante per le aziende: investire bene i propri soldi. Il che, in altre parole, significa spendere per avere risultati concreti.

Al giorno d’oggi, infatti, il panorama commerciale non è popolato solo da grandi aziende, ma anche da un esercito di startup: si tratta di piccole imprese – guidate soprattutto da giovani – che spesso hanno buone idee ma non dispongono di budget pantagruelici. E se il denaro è poco, è molto importante non scialacquarlo in imprese destinate – magari – a fallire.

Ecco allora che, per capire come scegliere un consulente SEO di fiducia, si può pensare di lavorare in base ai risultati ottenuti. Certo, è onesto mettere a disposizione una somma di base – anche minima – perché, come si suol dire, “il tempo è denaro”; ma il vostro rapporto con un professionista si può misurare anche dai risultati ottenuti, in modo da riuscire a corrispondergli una success fee proporzionale alla qualità del lavoro svolto.

Questa tecnica rappresenta un incentivo sia per il consulente che per il datore di lavoro: il primo sarà spronato a darsi da fare, il secondo – anche grazie all’aiuto dell’esperto – riuscirà ad incrementare le vendite e, dunque, ad avere una maggiore disponibilità economica per premiare l’impegno del consulente.

Professionalità è misurabilità

L’ultima regola per capire come scegliere un consulente SEO valido e performante è dargli il tempo di dimostrare il proprio valore. Spesso, se un’azienda non ha un buon posizionamento sui motori di ricerca, pensa che l’affidarsi a un esperto possa di colpo risolvere tutti i problemi. Non è così.

Come scegliere un consulente SEO che garantisca ottimi risultati

Come per qualunque tipo di attività, per ottenere buoni risultati ci vuole tempo. Un ottimo metodo per capire come scegliere un consulente SEO come si deve è informarsi circa la sua attività di reportistica.

Un vero esperto del settore, infatti, fornirà al cliente report periodici riguardanti l’andamento delle visite al sito, per capire insieme se la strategia messa in atto sta effettivamente funzionando.

Premesso che possedere un buon bagaglio di conoscenze in ambito SEO non equivale ad avere la bacchetta magica, è comunque importante sottolineare che un consulente SEO veramente professionale cerca sempre di andare incontro alle esigenze del cliente. E di aggiustare il tiro in base ai risultati.

Se, ad esempio, l’esperto cui avete accordato la vostra fiducia si rende conto che il lavoro si protrae un po’ più a lungo del previsto, se ne assumerà la responsabilità di fronte al cliente, magari chiedendo un compenso inferiore al preventivo proposto in precedenza.

Videochat Italiana

Videochat ItalianaIl nome la dice lunga: ‘Ciao Amigos’ ed è la migliore videochat di sempre.
In rete di piattaforme che permettono di usufruire di una chat sono tantissime; come tante sono anche quelle che offrono la possibilità di video chattare online. In questo mare magnum di opportunità, Ciao Amigos si può dire che è il top perché offre opportunità più che valide per i suoi utenti.
E’ bene specificare che si tratta di una chat gratis gratuita e che vi si può accedere anche senza avere l’obbligo di pre registrarsi.
Evitando questo passaggio l’accesso è pressoché istantaneo e permette di ritrovarsi già a chattare non appena si entra all’interno della piattaforma.

Gli utenti accreditati assicurano una costante presenza online che garantisce il fatto che Ciao Amigos sia una video chat sempre popolata dove poter trovare qualcuno pronto a video chattare in qualsiasi momento.
Ciao Amigos deve la sua popolarità dal sempre più crescente numero di utenti che chattano tra loro sviluppando verticalmente la densità degli iscritti accreditati.

Tra le possibilità anche quella di accedere con il proprio profilo Facebook, quella di stabilire chi si vorrebbe conoscere (se uomo o donna), le caratteristiche che si vorrebbero trovare nella persona che si sta cercando e quella di accedere in stanze sia pubbliche che, sotto autorizzazione, in quelle private.

Su Ciao Amigos si può chattare in totale anonimato così come nella stessa modalità si può incontrare la persona che interessa conoscere. Questa piattaforma chat, totalmente gratis, nasce con lo scopo di favorire la nascita di amicizie ma anche quella di vivere dei flirt o di manifestare la propria forma di esibizionismo.
Si può scegliere la stanza nella quale entrare a seconda del proprio gusto e della propria tendenza come chat gay, chat sex e chat donne.

Sempre su Ciao Amigos puoi mostrare il tuo aspetto reale sfruttando la video chat ma anche evitare di farti vedere per alimentare il mistero che ammanta il mondo virtuale. Praticamente tutto dipende dalla volontà dell’utente che in modo totalmente scevro da condizionamenti, può liberamente dar sfogo ai propri istinti e ai propri gusti con lo scopo di crearsi una esclusiva parentesi dove staccare la spina dallo stress del vivere quotidiano.

Concludendo, Ciao Amigos è una videochat che sin dalla sua apparizione, ha catturato l’interesse di migliaia di persone che hanno apprezzato le sue linee guida e che hanno potuto realizzare incontri in videochat ma anche reali.

Capsule di caffè dalla a alla z

caffè

Pare quindi che, per difendersi basta un piccolo cambiamento degli stili di vita: aggiungere alla dieta una tazza di tè verde al giorno. Tuttavia è bene ricordare che, se volete metabolizzare gli acidi, dovete anche abbinare l’assunzione di caffè verde all’attività fisica che fa a caso vostro. Anche gli aperitivi sono particolarmente consigliati. Tra i clienti più assidui c’è stato negli anni 30 lo scrittore Joseph Roth, capsule compatibili nespresso ma anche Sigmund Freud, Max Reinhardt, Marlene Dietrich, Romy Schneider e Burt Lancaster. E’ sempre stato molto amato dai grandi nomi dell’arte, della musica e della cultura viennese: Josef Hoffmann, Leo Kleinradl, Adolf Kapellus, Maximilian Kurzweil, Kolo Moser, Josef Olbrich e Friedrich Pilz. In secondo luogo l’effetto lipolitico delle metilxantine si rivela utile solo se viene praticata una adeguata attività fisica e l’azione ipoglicemizzante dell’acido clorogenico, molto variabile da persona a persona, non sempre sortisce effetti degni di nota. La Illy 7701 x7.1 iperEspresso è una macchina da caffè manuale molto particolare per chi ama l’espresso di qualità e vuole ritrovare la fragranza e l’aroma del caffè del bar fra le pareti di casa.

quale caffè usare per macchina espresso

Sarebbe preferibile, soprattutto per chi deve tenere sotto controllo la glicemia e il proprio peso, sostituire lo zucchero con dolcificanti naturali o macchiare la bevanda con un goccio di latte scremato. Bagnare i biscotti nel composto di latte e creare un primo strato in una teglia,. L’acqua nel suo passaggio che prende e discioglie tutte le sostanze solubili che incontra. Il caffè contiene sostanze ad effetto nervino come la caffeina che agiscono sul sistema nervoso e possono portare a dipendenza e assuefazione. La Pappa Reale, ricca di principi attivi ad effetto tonico e ricostituente, contribuisce a contrastare la secchezza fisica e lo stress mentale. Se l’organismo non è messo in condizione dal caffè verde di avviare questo processo, gli acidi grassi vengono nuovamente ricondotti agli adipociti che, ovviamente, aumentano nuovamente di peso e di volume. Per gli amanti del caffè le capsule compatibili nespresso buone, la possibilità di riceverli in tutta Italia e a prezzo speciale solo attraverso questo sito.

  • Mamma Ieie
  • Preparazione: 60 min
  • 400 g di farina di frumento tipo 2 (semintegrale)
  • Volete cominiciare a lavorare
  • Caffè Decaffeinato: ecco le controindicazioni
  • Acquista semi verdi, non tostati della varietà di caffè prediletta

In Libano è conosciuto con il nome di “Kahwe Baida” e viene servito, come il caffè, dopo i pasti. Questo difetto risulta dal distacco dei grassi presenti nei grani, dovuto ad eccessivo calore utilizzato nella fase di essiccazione durante il raccolto, specialmente quando viene effettuata negli essiccatoi meccanici. Sulla scia di numerose evidenze, per lo più sperimentali, che dimostravano un inibizione significativa dei processi di lipogenesi, in piccoli roditori supplementati con acido clorogenico, negli ultimi anni si è cercato di caratterizzare la suddetta attività anche nell’uomo. Acquistare questo “oro nero”, anche macinato per la propria caffettiera, presso il punto vendita è una garanzia di successo. Funzioni aggiuntive: Polivalente (funziona con cialde ESE e caffè macinato), portafiltro con dispositivo crema, Cappuccino system, spegnimento automatico. Abbiamo racchiuso la nostra passione per le macchine da caffè professionali in versione Mini, ma sempre Super. Il “caffè” è nella nostra cultura non solo quella alimentare, ma anche quella che descriveremmo come più nobile perché menzionata nelle enciclopedie e perché incastonata nella storia. Solo di recente è stato reso noto da uno studio scientifico che il caffè verde è un vero toccasana per la nostra salute.

Il caffè segna in modo netto e preciso i diversi momenti della giornata e influenza il nostro stato fisico. Siamo abituati a conoscere il caffè nella forma tostata e quindi trasformata nella corroborante bevanda che ci svegli al mattino e ci regala buone pause nel corso della giornata. Già da questa presentazione possiamo quindi capire come effettivamente il caffè verde abbia molteplici funzioni e sia coadiuvante nella perdita peso e nel dimagrimento, migliorando il metabolismo e non solo. Questo composto è l’estere dell’acido caffeico e di fatto, svolge una forte azione antiossidante nel nostro organismo. Impastate fino a ottenere un composto morbido e omogeneo. Scopri le curiosità sul mondo della caffetteria e le nuove tendenze della bevanda più amata al mondo. Intorno all’anno 1000 d.c. i chicchi che non avevano effetti nocivi, venivano fatti bollire per trasformarli appunto in una bevanda. Perché i chicchi non vengono tostati, per il resto si tratta di normalissimo caffè. Il carattere acidulo si incontra in prevalenza nei caffè arabica lavati, coltivati al di sopra dei 1200 – 1300 metri. Si fanno dei buchi con una matita, tanti quante sono le talee e si sistemano come indicato nella foto.