Sport e salute: Come far crescere il seno con la Crema Breast Cream

Le donne che sono alla ricerca di una crema con cui rassodare il proprio seno e favorirne un aumento di taglia possono puntare sulla crema seno Breast Cream. Si tratta di un prodotto a base di ingredienti naturali come kava kava, dong quai e Mexican Wild Yams. Tutte queste sostanze vanno ad agire a livello ormonale favorendo così il rassodamento del seno. Inoltre questa crema riesce anche a ridurre i sintomi premestruali e regolare gli ormoni.

Il meccanismo d’azione della crema

Le sostanze naturali che sono presenti all’interno di Breast Cream favoriscono la formazione di nuove cellule a livello della ghiandola mammaria. Il che permette così di avere un notevole aumento di volume. Ecco perché grazie alla crema Breast Cream si può tornare indietro nel tempo in quanto il seno torna ad essere definito nelle sue dimensioni come nella pubertà. Bisogna anche considerare che questa crema agisce localmente e perciò è molto più vantaggiosa di altre tecniche come la chirurgia.

Come far aumentare il seno: le cosa sapere

Bisogna conoscere che non è necessario prendere delle giuste contromisure per quanto concerne l’utilizzo di Breast Cream. Va applicata 2 volte al giorno e soprattutto nel momento in cui si usa questa crema non è necessario assumere pillole a base di ormoni che possono avere svariati effetti collaterali. Un’ottima soluzione per garantire un notevole effetto di questa formulazione è quella di spalmarla subito dopo la doccia. Questo perché i pori sono aperti e quindi più facilmente accessibili per la crema.

I vantaggi della crema seno Breast Cream

Ovviamente prima di procedere con l’acquisto di un prodotto che promette di far crescere le dimensioni del seno è bene conoscerne dettagliatamente alcuni aspetti. Innanzitutto si tratta di un’ottima crema in quanto è a base di ingredienti naturali. Ciò garantisce una tossicità praticamente nulla, senza dimenticare che una crema del genere permette di donare un tocco chic alla propria estetica. Vale la pena provarla anche perché il seno è un elemento fondamentale per la donna: e grazie alla crema si può avere una nuova forma e dimensione.

Molto spesso le persone vanno alla ricerca di prodotti funzionanti per la crescita del seno. Breast Cream è una delle soluzioni migliori in quanto il suo funzionamento è effettivo. Infatti un utilizzo costante nel tempo permette di beneficiare di tutti i suoi notevoli vantaggi. E proprio questo aspetto è qualcosa di molto rilevante. Ecco perché sono sempre di più le donne che hanno deciso di puntare su questo prodotto. Acquistabile, tra l’altro, anche direttamente sul web su siti come Amazon o Ebay.

Un prodotto a base di ingredienti naturali e che presenta sostanze ottime per l’azione locale a livello del seno. C’è una buona quantità di deoximiroestrol, estratta da piante di origine asiatica e che è il maggiore responsabile dell’azione anti-invecchiamento. Anche l’olio etereo di rosa è un ottimo ingrediente con azione che permette di avere una idratazione corretta ed elasticità della cute. C’è anche l’estratto di radice di Pueraria montana che permette di combattere gli effetti negativi sulla pelle dei radicali liberi.

Volumizzare il seno: l’importanza dei prodotti naturali

Quando si parla di formulazioni che agiscono a livello ormonale potrebbero esserci alcune controindicazioni. Con Breast Cream si ha la garanzia di non avere ingredienti aggressivi per la pelle e che possano causare problemi. Ecco perché questa crema può essere usata in totale sicurezza da donne di ogni età e soprattutto con ogni condizione di salute. Sicura anche per le donne in post-gravidanza. Attenzione va fatta solo agli ingredienti per chi soffre di allergie.

L'articolo Come far crescere il seno con la Crema Breast Cream sembra essere il primo su Fightordie.it .

Sport e salute: Ymea Pancia Piatta: come funziona, quanto costa e quali sono gli effetti collaterali

Ymea Pancia Piatta è uno dei moltissimi farmaci da banco che vengono venduti senza ricetta e quindi senza alcuna necessità di prescrizione medica. Si tratta più nello specifico di un efficace integratore alimentare che ha come scopo quello di ridurre la sensazione di gonfiore addominale, ma anche quello di alleviare i numerosi e fastidiosi sintomi che insorgono con l’avvicinarsi dell’età della menopausa. Scopriamo come funziona Ymea Pancia Piatta e a che prezzo si può acquistare, analizzando anche i possibili effetti collaterali che potrebbero derivare da un suo utilizzo e le opinioni di Benessere Donna Online rilasciate dagli utenti sul forum del sito, così da capire il grado di soddisfazione degli utenti che già hanno testato il prodotto.

Come assumere e come agisce Ymea Pancia Piatta

L’integratore alimentare in compresse Ymea Pancia Piatta viene molto pubblicizzato ed è per tale ragione che moltissime donne lo assumono considerandolo come un valido aiuto nella riduzione della pancia gonfia e nel mantenimento del peso forma.Ymea Pancia Piatta è in grado di alleviare tutti i fastidiosi sintomi della menopausa proprio grazie al suo mix di ingredienti perfettamente pensato per ridurre la sensazione di gonfiore addominale che le donne che si avvicinano ai cinquant’anni iniziano ad avvertire essendo prossime alla fase della menopausa. La funzione di Ymea Pancia Piatta è data solo grazie ai suoi ingredienti. Ogni ingrediente scelto per far parte delle compresse assolve a delle particolari funzioni che sono in grado di garantire un benessere psichico e fisico.

Le vampate di calore, il senso di stanchezza e l’irritabilità, sono solo alcune delle conseguenze della menopausa che Ymea Pancia Piatta andrà a ridurre. Il suo segreto come già accennato risiede proprio nella scelta di specifici e funzionali principi attivi; è grazie ad essi che funziona Ymea Pancia Piatta. L’integratore alimentare viene venduto in capsule da somministrare due volte al giorno. Le compresse contenute all’interno della confezione sono di due colori proprio perché ognuna funziona in maniera diversa dall’altra. La compressa bianca va assunta la mattina, mentre invece la compressa blu va assunta la sera; cerchiamo di capire come agiscono.

All’interno della capsula che va assunta la mattina sono presenti i seguenti ingredienti: il tè verde che aiuta a contrastare l’accumulo di grasso su cosce e addome, i semi di lino che per tutto l’arco della giornata saranno in grado di tenere sotto controllo le vampate di calore, poi ancora la discorea, utile perché ha la capacità di andare a regolare l’andamento delle mestruazioni, ed infine il cromo che fino a sera vi aiuterà a tenere a bada il senso di fame, complice poi dell’aumento di peso durante la fase della menopausa.

La funzione di Ymea Pancia Piatta prosegue poi anche durante la notte, quando gli ingredienti contenuti nella compressa agiscono per far distendere e rilassare l’organismo. Le capsule di colore blu sono state infatti appositamente studiate per contenere al loro interno: l’estratto di Melissa officinale che ha la funzione di far rilassare e distendere i muscoli del corpo, e la papaya dalle note proprietà drenanti che viene utilizzata per depurare l’organismo dai liquidi e dalle tossine in eccesso, anch’esse complici nell’aumento di peso e di gonfiore addominale.

A completamento del mix di ingredienti ideato per svolgere una funzione di riduzione del gonfiore addominale vi sono poi anche vitamine e sali minerali. Il segreto dell’azione di Ymea Pancia Piatta risiede dunque tutto solo all’interno dei suoi componenti, che di giorno hanno la funzione di mantenere sotto controllo il senso di fame e tutti gli altri sintomi, mentre di notte agiscono facendo rilassare e riposare l’organismo.

Prezzo di Ymea Pancia Piatta e possibili controindicazioni

Ymea Pancia Piatta, l’integratore per ridurre i sintomi della menopausa è in effetti la soluzione ideale per tutte quelle donne che superata una certa età iniziano a dover fare i conti con sbalzi improvvisi d’umore, sudorazione eccessiva e vampate di calore. Tutto ciò potrà diventare solo un brutto ricordo proprio grazie ad Ymea Pancia Piatta e alla sua duplice azione. Non a caso l’integratore viene anche approvato da medici ed esperti che consigliano a tutte le donne la sua assunzione giornaliera per riuscire a mantenere il peso forma ed una pancia sgonfia.

Per quanto riguarda il prezzo di Ymea Pancia Piatta, questo in genere parte da un minimo di venticinque euro se si acquista la confezione contenente 60 capsule e quindi il trattamento di un’intera mensilità. Il prodotto è acquistabile in tutte le farmacie delle nostre città, ma anche online non è difficile riuscire ad usufruire di speciali promozioni che mettono in vendita l’integratore a prezzi scontati. Stando alle opinioni che le donne hanno poi rilasciato online a seguito di un trattamento a base diYmea Pancia Piatta, queste sembrerebbero essere estremamente soddisfatte. Ymea Pancia Piatta riesce a diminuire il gonfiore addominale anche se di base è opportuno in ogni caso condurre uno stile di vita sano e guidato da una corretta alimentazione se si ha intenzione di ridurre i sintomi della menopausa in maniera naturale.

In tema di possibili effetti collaterali derivanti da un prolungato utilizzo di Ymea Pancia Piatta, secondo le opinioni presenti su Benessere Donna Online non sono state riscontrate in tal senso alcune opinioni online che parlano negativamente di questo integratore alimentare. Fondamentalmente il farmaco è costituito da ingredienti del tutto naturali che una volta assunti non hanno motivo di arrecare danni all’organismo generando effetti collaterali indesiderati. E’ necessario però attenersi a quanto espressamente indicato sulla confezione; ciò significa che non bisogna eccedere nelle dosi indicate per evitare spiacevoli conseguenze seppure temporanee come un aumento dei battiti cardiaci o nausea e sonnolenza.

Consultate infine il proprio medico di famiglia prima di intraprendere un trattamento a base di Ymea Pancia Piatta di vostra spontanea volontà soprattutto se siete intolleranti ad uno o più componenti tra quelli sopra elencati; anche se si tratta di ingredienti naturali non è esclusa la possibilità di una reazione allergica. Si tratta comunque di casi a parte perché nella maggior parte delle opinioni che potete leggere online troverete solo ed esclusivamente commenti favorevoli nei confronti di Ymea Pancia Piatta, che ha finora risolto i problemi di moltissime donne che si accingono ad attraversare il periodo di inizio della menopausa.

L'articolo Ymea Pancia Piatta: come funziona, quanto costa e quali sono gli effetti collaterali sembra essere il primo su Fightordie.it .

Sport e salute: Palestra e Calvizie: cosa c’è di vero?

Diversi sono i miti e leggende metropolitane che chi soffre di alopecia androgenetica, ovvero la calvizie comune che colpisce mediamente un uomo su tre, e riguardano gli ambiti più disparati.

Si va da quello più conosciuto secondo cui non esistono cure per la calvizie e l’unico rimedio in grado di fermarne la caduta sarebbe… il pavimento (chi non l’ha sentito almeno una volta), passando poi a quelli che sostengono la rasatura a zero come metodo per “rinforzarli”… arrivando poi a sindacare persino sul numero di volte in cui vengono lavati perché lo shampoo li “indebolisce”.

Non c’è nemmeno bisogno di stare a precisare che sono, come già detto, delle convinzioni popolari basate su nessun fondamento scientifico.

Tuttavia un’altra “leggenda” piuttosto radicata, e che certamente interesserà maggiormente i lettori di questo sito, riguarda l’allenamento, specialmente quello con i pesi tipo body building o power lifting. Sono in molti infatti a sostenere che questi sport o comunque quelli di forza in genere, provochino un aumento del testosterone che a sua volta si ripercuote sulla salute dei capelli facendo insorgere l’alopecia androgenetica negli individui sensibili.

Cosa c’è di vero?

Partendo dal presupposto che effettivamente il testosterone, o meglio il DHT che da esso deriva, è strettamente correlato con la miniaturizzazione dei follicoli piliferi che si manifesta nelle persone colpite da calvizie, ed anzi ne è la causa principale verrebbe proprio da pensare che:

  • se l’allenamento con i pesi aumenta il testosterone
  • e tale ormone è coinvolto nella comparsa dell’alopecia androgenetica

allora per la proprietà transitiva che abbiamo studiato alle scuole elementari, verrebbe da pensare che l’allenamento con i pesi favorisce la caduta dei capelli.

Fortunatamente non è proprio cosi perché ok che la calvizie maschile dipende soprattutto da una sensibilità al DHT dei bulbi piliferi nella parte alta della testa solo nelle persone geneticamente predisposte, però il picco di testosterone (e quindi di DHT) che un allenamento di forza può dare è comunque relativamente limitato nel tempo e soprattutto rientra ampiamente nei limiti fisiologici che la genetica di ciascun individuo prevede.

Quindi pur essendo vero che esiste questo contenuto aumento di ormoni androgeni a seguito di determinate tipologie di allenamento, secondo me in molti tendono a confonderlo con gli incrementi che si ottengono introducendo ormoni dall’esterno tramite l’uso di farmaci dopanti.

In questo caso si hanno incrementi anche di oltre 10 volte i livelli fisiologici e allora si che se ci sono predisposizioni alla calvizie essa verrà enormemente accelerata. E anche in questo caso la genetica la fa da padrona poiché se i recettori dello scalpo non sono sensibili agli androgeni non cadrà nessun capello. Non è raro infatti vedere body builders enormi con la loro chioma perfettamente intatta.

Conclusioni

Quello che questo articolo si proponeva di chiarire è dunque che anche il mito della “Palestra che provoca la Calvizie” è falso e dunque potete allenarvi in tutta tranquillità poiché anche l’allenamento più anabolico che possiate mai fare non potrà MAI creare picchi di androgeni naturali tali da poter danneggiare i vostri capelli.

L'articolo Palestra e Calvizie: cosa c’è di vero? sembra essere il primo su Fightordie.it .

Sport e salute: Serie A: info sulla nuova tecnologia VAR

Al via il Var

La Figc rappresenta la federazione scelta, assieme ad altre, per dare il via alla nuova sperimentazione del Var.

Infatti, in alcune recenti riunioni svoltesi a Londra, dove l’organismo in questione ha voluto dimostrare il proprio progetto inerente al cambiamento delle regole nel calcio, la federazione ha ribadito costantemente il suo interesse verso tutto ciò. Ma cos’è il Var.

Questo termine che proviene dall’inglese significa Video Assistant Referee e in italiano vuol dire video assistenza arbitrale.

A partire dal mese di aprile per l’anno 20017/2018, è stato reso noto l’uso della Var in particolar modo in Serie A, con circa un anno di anticipo.

Il tutto è stato poi reso noto dall’AIA, dalla serie A e dalla federazione FIGC.

Infatti i stadi che vedranno protagoniste le venti squadre che parteciperanno al campionato si sono organizzate in modo tale da accogliere le telecamere che punteranno nello specifico sul campo.

Ultimamente i responsabili di questo progetto hanno deciso di dirigersi in campo per spiegare passo per passo il funzionamento di questa nuova tecnologia direttamente in campo durante le partite.

Ad oggi, questo progetto è stato reso noto anche all’ufficio stampa e in seguito verrà presentato sotto forma di una lezione ai telecronisti che potrebbero essere i diretti interessati di questo progetto.

Quando usare il Var

In realtà il Var, viene utilizzato in particolar modo per poter vedere nuovamente quattro casi di gioco nello specifico, ovviamente stabiliti all’interno del protocollo legato alla FIFA.

Ossia:

– per poter correggere l’ammonizione;

– per optare per un rigore o meno;

– per stabilire se eliminare un calciatore o meno;

– per decidere sulla regolarità di un goal.

In tutti questi casi sono presenti possibili dinamiche che possono manifestarsi durante una partita, di cui una buona parte molto delicate che possono essere rese noto solo mediante la visione dettagliata del VAR.

Questo progetto è stato già sperimentato mediante una modalità offline durante il quale si è mostrato un intervento medio ogni 4 partite circa.

Chi può vedere il tutto? video gol serie a!

Numerose sono le domande inerenti a questo nuovo progetto tra cui questa, chi può visionare il tutto?

In realtà, ogni singola società ha organizzato nello stadio di interesse, una vera e propria stanza adibita alla presenza di due arbitri che si occupano del VAR e di due operatori, non sempre è possibile realizzare questa stanza, allora è consigliabile crearne una all’esterno ma che presenti gli stessi requisiti a livello di tecnologia nel settore.

L’arbitro presente sul campo potrà interagire solo ed esclusivamente con i due arbitri che sono i diretti interessati del VAR.

Per quanto concerne l’organizzazione del campo, a bordo campo vi sarà una zona riservata che servirà per la revisione arbitrale che solitamente è posta tra due panchine.

Posizione ideale, attraverso la quale l’arbitro presente in campo dovrà stabilire se rivedere o no i replay delle azioni di gioco e decidere sul da farsi in seguito.

Durante tutto ciò il gioco dovrà essere bloccato e inoltre è bene sapere che non vi è un tempo prestabilito durante il quale il gioco deve ricominciare o meno, dipenderà dalla decisione dell’arbitro in questione.

L'articolo Serie A: info sulla nuova tecnologia VAR sembra essere il primo su Fightordie.it .